Via Trento, 18
21040 Sumirago Varese
+39 0331 908003
Lun - Ven / 9:00 - 18:00

Recinzioni elettrificate

Una barriera mentale

Come funziona?
L’elettrificatore, sia a corrente che a batteria, trasforma la corrente moltiplicandone il voltaggio a scapito dell’amperaggio.
Come per la corrente normale – che viene trasportata da due fili – anche noi abbiamo due conduttori: il primo, grazie al paletto di terra che esce dal nostro elettrificatore, è il suolo che può essere paragonato a un filo conduttore che collega sempre l'animale (se la terra viene applicata seguendo le istruzioni) il secondo è il nastro.
Quando l'animale tocca il nastro camminando sulla terra, ecco che scocca la scintilla e l’elettricità lo colpisce creando in lui una decisa reazione.

Reazione dell'animale
L'animale si avvicina per curiosità ma con una certa prudenza, nel momento in cui tocca il nastro, riceve una violenta scossa elettrica. Questa scossa, se proviene da un nostro elettrificatore che pulsa con grande potenza e da un nastro ben installato e con grandi performance come il nostro, è paragonabile, come sensazione, a un colpo di frusta! Grazie a questo ricordo doloroso l'animale rispetterà questa che diviene una “barriera mentale”. Anche i più impavidi non si azzarderanno a saltare neanche 50cm di nastro. L'animale, infatti, pensa di trovarsi davanti a un muro che gli provoca dolore e per questo diventa invalicabile.

Una barriera visiva

Il nastro è un ostacolo largo e quindi ben visibile; quando se lo trova davanti, in una frazione di secondo, l’istinto di conservazione gli comanda di arrestarsi, di rispettarlo e non travolgerlo “...è un ramo troppo grosso perché io lo spezzi, preferisco aggirarlo...”

Certo che per ben rispondere a questa necessità l'animale deve trovarsi davanti almeno due altezze di nastro!

Resiste anche agli effetti del vento:

Cinquecento metri di nastro da quaranta millimetri sono paragonabili a una vela di circa venti metri quadri: vi pare nulla quando soffia il vento? Il nostro nastro è stato studiato per permettere che il vento passi grazie alla maglia larga.
Ma assolutamente rispettate la massima distanza di 5 m tra un isolatore e l’altro o di 4 m se abitate in una zona ventosa, così il vostro nastro non vibrerà e non si consumerà con la vibrazione.