Via Trento, 18
21040 Sumirago Varese
+39 0331 908003
Lun - Ven / 9:00 - 18:00

Applicazioni recinzioni elettrificate

Ulteriori consigli

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque laoreet auctor neque accumsan vestibulum. In sit amet semper dui, ac lobortis libero. Nulla varius nisi et erat venenatis, sed pretium dui feugiat. Donec at posuere odio. 

Il paddock per i giorni di riposo

10mt x 10mt sono sufficienti. Fate una piccola porta con il nastro ed elettrificatelo. Se il vostro cavallo si interessa alla corteccia dell’albero che si trova all’interno del recinto, che gli fa ombra, proteggetela con del nastro, che girerete intorno al tronco a spirale e che verrà elettrificato solo all’inizio. Tagliate un cavo al teflon Rif. 28, di solito interrato o sospeso, tra l’albero e la recinzione. Cosi il vostro cavallo, come voi, passerà il suo giorno di riposo in campagna... al posto di passarlo in un box o prigione.

Il vostro cavallo non ama salire nel suo van

Grazie a questo piccolo paddock mobile, voi potrete far salire i vostri yearlings o i vostri cavalli difficili sul van! In un luogo isolato (dal gruppo degli altri cavalli) su terra fate un mini paddock come nella foto. Conviene isolare il nastro dal van con degli isolatori Rif. 10V (avvitabili) o degli isolatori Rif. 10B (con dei bulloni) o dei tenditori Rif. 44V o Rif. 44B, se voi utilizzate del nastro largo. Mettete da mangiare e da bere nel fondo del van e lasciate il vostro cavallo testardo con questo dilemma: mangiare e bere nel van, o avere fame e sete... Il tempo è un vostro alleato... Se il vostro van è molto rumoroso, un po’ di paglia o un tappeto possono attutire i rumori.

Allontanare le recinzioni pericolose

Utilizzeremo i distanziatori per allontanare queste recinzioni. Il distanziatore Rif.13U è composto da 2 astine in acciaio molto resistente che mantengono fermo l’isolatore distanziandolo di circa 30cm dai fili pericolosi. Le punte vengono infilate direttamente nel paletto di legno tramite un martello. Il medesimo modello pensato per ancorarsi direttamente sui fili o su una rete (Rif. 13L), deve essere posizionato il più vicino possibile al paletto, per non fare ondeggiare il nastro. Il tenditore porta contatto Rif. 44U mantiene la stessa distanza (30 cm) dalle porte. L’isolatore d’angolo Rif. 45U, montato anche lui su due perni, tiene il filo ad una distanza di 30 cm dagli angoli. Molti preferiscono montare dei Rif. 44U anche negli angoli, per poter tendere meglio il nastro. In questo modo distanziamo il nastro da tutti i tipi di recinzione, ove ve ne sia bisogno, evitando che i cavalli vadano addosso alle recinzioni esistenti. Due distanziatori Rif. 13U inchiodati accanto permettono di creare un corridoio elettrificato da 60 a 65 cm per cavalli particolarmente litigiosi tra due recinti.

Avere il proprio cavallo a casa

Suddividete un prato troppo grande: grazie a questo sistema, potete avere una doppia o tripla produzione di erba. Mentre i vostri cavalli saranno in uno dei paddock , potrete concimare quello che è appena stato utilizzato o potrete raccogliere il letame interrompendo così il ciclo dei parassiti. Potrete unire la capannina, o i box che danno sul pascolo, con delle corsie che portano al paddock. Oppure potreste costruire dei piccoli recinti attorno ai vostri box, e i vostri cavalli potranno entrare ed uscire stando liberi.

Tenere cavalli in pensione

Molti imprenditori agricoli, o anche solo appassionati, oggi partono nella riconversione delle proprie aziende, e creano dei pensionati per cavalli. Si pone il problema della recinzione: cosa c’è di meglio del nostro nastro antiurto? Sicuramente è la recinzione più sicura, quella più duttile e meno costosa, sia per manutenzione che per l’installazione. A volte, anche solo lo spostare e riposizionare le recinzioni fisse esistenti è più dispendioso che comprare le nostre recinzioni. La manodopera è un costo importante.

Per l'allevatore

Costruite dei paddock accostati, non troppo grossi, con del nastro antiurto da 4 cm su due altezze. Costruite la medesima cosa dall’altro lato, lasciando al centro una corsia di 6mt di larghezza. Bloccate questa corsia alle estremità con del nastro disposto su 2 altezze e create delle porte ad ogni estremità in modo di ottenere un altro paddock centrale, attiguo a tutti i paddock dove voi lascerete un castrone. Inserite fattrici per provare il calore. Osservando le vostre fattrici, voi le vedrete interessarsi a questo castrone man mano che il loro calore aumenterà. Tutto questo piccolo mondo, in massima sicurezza, vi comunicherà delle informazioni molto interessanti. Ciò vi farà guadagnare del tempo sul controllo dei calori e il vostro castrone sarà, suo malgrado, il ruffiano delle fattrici. Lo stesso sistema di recinti vi darà la possibilità di mettere fuori, via dal box tutti i cavalli a rotazione e grazie al corridoio centrale di amministrarli facilmente.

Con il nostro sistema eviterete e tutte LE RECINZIONI PERICOLOSE, infatti uno dei migliori risultati del nostro lavoro decennale con le recinzioni elettrificate, è stato quello di non avere più cavalli feriti a causa dei recinti.

E se avete già un'elettrificatore

Se è di fabbricazione antecedente al 1982, gettatelo via! Doloroso ma obbligatorio! Prima di quella data tutti gli elettrificatori erano elettromagnetici ad alta impedenza, questo vuol dire che alla prima erba che toccava il nastro erano a massa e quindi non funzionavano più. Grazie a questo cortocircuito, facilmente ottenibile, gli allevatori piuttosto che i cacciatori, maneggiavano il filo elettrico attaccato al suo trasformatore funzionante. Dal 1982 si è passati, per la maggior parte, ad avere elettrificatori elettronici a bassa impedenza.

Non bisogna chiudere il circuito

Non dovete chiudere il circuito, ovvero non dovete far si che il nastro vada e torni verso l’elettrificatore. Non è importante! È il cavallo che chiude il circuito(terra/fase)! E’ possibile se per comodità volete farlo, ma non è indispensabile, l’unica cosa che otterrete è che la corrente andrà a destra e sinistra e si "incontrerà " all’altro capo. Non attaccate mai due elettrificatori sullo stesso recinto! La somma delle due impulsioni porterebbe l’annullamento dell’intervallo legale che vi è tra una impulsione e l’altra (1 herz). Non servitevi dei piccoli fili elettrici, di altre marche per portare la corrente al nostro nastro antiurto! Il risultato è simile a uno che vuole creare un torrente con il tubo dell’acqua di casa.